Oro ma non solo

Nell’industria svizzera dei metalli preziosi, accanto all’oro, anche l’argento, il platino ed il palladio occupano un ruolo chiave per le applicazioni nei diversi settori industriali.

Oro

L’oro è il più duttile e malleabile di tutti i metalli. Spesso viene utilizzato in lega con altri metalli sotto per aumentarne la durezza, specialmente nel settore della gioielleria, elettronica ed odontoiatrico. È una componente importante in quasi tutti gli strumenti elettronici di consumo, come apparecchiature audio, telefoni cellulari e macchine fotografiche digitali. L’oro viene anche utilizzato come elemento decorativo andando ad esempio ad impreziosire oggetti di vetro o ceramica. Grazie alla sua stabilità chimica non diventa opaco, non è soggetto a corrosione e rappresenta un ottimo conduttore di calore ed elettricità.

Sul mercato mondiale l’oro viene fornito ad attori appartenenti a categorie molto eterogenee. Il 43% del consumo complessivo è da attribuire al settore della gioielleria, seguito dal settore degli investimenti che attraverso l’acquisto di lingotti e monete d’oro ne rappresenta il 29%. Le riserve auree delle banche nazionali equivalgono invece al 12% dell’utilizzo globale, mentre la parte residua viene impiegata nell’industria elettronica e per applicazioni odontoiatriche.

Argento

L’argento è il miglior conduttore elettrico e termico tra tutti i metalli ma, a differenza dell’oro, si ossida facilmente. Leggermente più duro dell’oro e con una temperatura di fusione più bassa, l’argento può essere utilizzato per un’ampia gamma di applicazioni. L’alta riflettività di questo metallo ne rende possibile l’uso negli specchi, mentre le caratteristiche foto-reattive, uniche dei composti di argento, sono ideali per l’impiego nell’industria fotografica. Come l’oro, anche l’argento è molto popolare nei gioielli e lo troviamo anche nella quasi totalità dei prodotti elettronici, nell’industria chimica e come prodotto d’investimento.

Platino

Anche il platino è un eccellente conduttore ed è abbastanza flessibile da essere lavorato in fili sottili e forme complesse. La sua alta temperatura di fusione e la resistenza alla corrosione ne consentono l’utilizzo anche nelle condizioni più difficili; per questo il platino rappresenta il materiale ideale per applicazioni ad alte temperature. Dal momento che è anche un ottimo catalizzatore, viene ampiamente utilizzato per rendere possibili reazioni chimiche tra diverse sostanze ed è diffusa inoltre la sua applicazione come catalizzatore per i gas di scarico nell’industria automobilistica.

Palladio

Il palladio ha molte caratteristiche in comune con il platino, nonostante una minore densità ed una temperatura di fusione più bassa. Il palladio viene ampiamente utilizzato per i catalizzatori delle auto, nonché nell’industria chimica ed elettronica.